SALDI ESTIVI: ecco le date di inizio e di fine regione per regione

SALDI ESTIVI

SALDI ESTIVI: a luglio torna l’atteso appuntamento per gli amanti dello shopping. Ecco le date in tutta Italia e i consigli per evitare fregature.

I saldi dell’estate 2017 inizieranno ufficialmente il primo luglio in tutta Italia. A differenza degli anni passati, infatti, l’avvio dei saldi estivi sarà uguale per tutte le regioni. Nella maggior parte delle regioni i saldi estivi termineranno il 30 agosto, ma alcune hanno scelto di anticipare o posticipare la chiusura. A Novara e a Modena ad esempio i saldi dell’estate 2017 inizieranno prima.

CONSIGLI PER GLI ACQUISTI

Come ogni stagione ci sarà l’assalto a boutique, negozi, centri commerciali e outlet per accaparrarsi abbigliamento scarpe e accessori in sconto. Sarebbe consigliabile procedere con una lista di cose da acquistare con priorità rispetto a quelle più ‘frivole’, così da sfruttare al meglio l’opportunità di sconti e occasioni. Di seguito troverete alcuni consigli da tenere a mente per evitare “fregature”:

  • Controllare sempre che a fianco al prezzo del ribasso sia esposto anche quello iniziale. I commercianti hanno l’obbligo legale di metterlo in mostra (facoltativa invece la specifica del prezzo conseguente allo sconto);
  • Verificare che le informazioni in merito agli sconti attuati siano veritiere, sia a livello pubblicitario che nei locali di vendita. I negozianti non possono indicare prezzi diversi da quelli originariamente dichiarati;
  • Accertarsi che nei punti vendita la merce in saldo sia fisicamente separata da quella a prezzo pieno, o quantomeno visibilmente differenziata attraverso cartelli o altri mezzi inequivocabili;
  • Ricordarsi che qualora il prodotto risulti difettoso si ha diritto a sostituzione o rimborso del prezzo pagato dietro presentazione dello scontrino;
  • Conservare sempre la ricevuta.

L’Unione Nazionale Consumatori mette in guardi i consumatori:“Dall’indagine emerge che dopo i ribassi record registrati nel gennaio 2015, i commercianti, a fronte di una leggera ripresa dei consumi, hanno iniziato a diminuire gli sconti, anche se con un andamento altalenante”, afferma il presidente Massimiliano Dona, che denuncia: “Gli sconti solitamente pubblicizzati in vetrina, 70% e 50%, sono gonfiati e ben lontani da quelli effettivamente praticati”.

Anche la Guardia di Finanza avvisa: “La legge prevede che i saldi non riguardino tutti i prodotti, ma solo quelli di carattere stagionale e quelli suscettibili di notevole deprezzamento se venduti durante una certa stagione o entro un breve periodo di tempo, in quanto fortemente legati alla moda. Il venditore è tenuto ad applicare lo sconto dichiarato; se alla cassa viene praticato un prezzo o uno sconto diverso da quello indicato, sarà bene comunicarlo al negoziante e non esitare, in caso di difficoltà, a contattare l’ufficio di Polizia Annonaria del Comune”.

Inoltre, chiariscono i finanzieri, il negoziante è obbligato a sostituire l’articolo difettoso anche se dichiara che i capi in vendita durante i saldi non si possono cambiare.

Continua a leggere per conoscere nel dettaglio le date di inizio e di fine di ogni regione…

1
2
CONDIVIDI