BOCCA DELLA VERITA’: ecco la storia di uno dei più curiosi simboli della città

BOCCA DELLA VERITA'

BOCCA DELLA VERITA’: il grande marmo raffigurante un volto umano, trancerebbe la mano con la bocca a chi osa mentirgli. Ecco come nacque la storia.

La celebre Bocca della Verità, un imponente marmo di ben 1,80 metri di diametro per un peso di oltre 1.300 Kg, esposta nel portico della Basilica di Santa Maria in Cosmedin, all’interno del Foro Boario, è tra i simboli della Roma eterna. Reso famoso dalla sequenza del film “Vacanze Romane” con Audrey Hepburn e Gregory Peck, il mascherone non ammette bugie, a chi mente, viene morsa la mano. O almeno così vuole la legenda secondo cui durante il Medioevo era consuetudine condurre l’indagato dinanzi al mascherone e fargli introdurre la mano nel mascherone, se innocente, ritirava la mano indenne, ma, se colpevole, il mascherone avrebbe chiuso la bocca, troncando di netto la mano. In realtà dietro la maschera vi era un vero e proprio esecutore, pronto a sferzare il colpo alla mano del colpevole. E se a distanza di anni, ovviamente questa figura si è persa, quello che è rimasto è la credenza nella legenda, tanto da rendere la Basilica e la sua scultura meta imprescindibile dei turisti. La Bocca della Verità in origine altro non era che un tombino come ce ne erano tanti nella capitale ma quello di Santa Maria in Cosmedin, aveva sembianze umane: un volto di uomo con barba, occhi, naso e bocca forati, attraverso cui l’acqua defluiva nel sottosuolo. Insomma un vero e proprio volto che, secondo alcuni, era riconducibile a quello di Giove. Fu nel 1845 che per la prima volta la scultura in questione, secondo alcuni costruita dal mago Virgilio, venne ribattezzata con il nome di “Bocca della Verità”. Il motivo è presto spiegato, sembra infatti che la Bocca della Verità fosse usata dai mariti dubbiosi come banco di prova della fedeltà delle mogli, in particolare si ricorda l’episodio in cui una donna infedele, condotta dal marito davanti la scultura, riuscì a salvarsi con un “trucchetto”. La presunta fedifraga, d’accordo con l’amante, lo fece giungere il giorno della prova, lo fece fingere pazzo e di abbracciarla, l’uomo eseguì. E la donna, così, infilando la mano nella Bocca, giurò di essere stata abbracciata in vita sua solo dal marito e dall’uomo che aveva davanti. Come arrivare alla Bocca della Verità Indirizzo: Piazza Bocca della Verità Come arrivare: Metro Linea B fermata Circo Massimo; Bus 60 -75 – 85-87 – 117 – 271 -571 -175 -186 -810 -850 -C3. Tram 3 Orari di apertura: Orario invernale: ore 9.30-17.00 (chiusura cancello ore 16.50) Orario estivo: ore 9.30-18.00 (chiusura cancello ore 17.50) Prezzi dei biglietti: 2 euro  

CONDIVIDI