BRACCIALINI: è fallita la storica maison fiorentina di borse e accessori

BRACCIALINI

BRACCIALINI: i marchi Braccialini e Tua nel 2017 furono venduti a Graziella Group che ne prosegue l’attività.

Il tribunale fallimentare di Firenze ha dichiarato il fallimento della storica maison fiorentina di borse e accessori Braccialini. La decisione è arrivata dopo la revoca dell’ammissione al concordato preventivo e dopo che il tribunale ha rigettato la domanda di omologa.

Il penultimo cda, nel giugno 2016, aveva chiesto l’ammissione al concordato preventivo. Ma il tribunale fallimentare adesso ha concluso che “nel caso della Braccialini vi era l’impossibilità tecnica di una gestione che, pur sgravata da oneri finanziari, dall’ansia delle azioni esecutive e supportata dalla collettività tramite ricorso massiccio a cassa integrazione, era ormai decotta”. Per il tribunale c’è “una notevole alea rispetto a partite essenziali di attivo e passivo” e “plurime incertezze gravano sul concordato”. Quindi “non può ritenersi ‘assicurato’ il pagamento del 20% minimo ai creditori”.

I marchi Braccialini e Tua nel 2017 furono venduti a Graziella Group che ne prosegue l’attività. Mentre alla società originaria Braccialini, fallita, restano immobili, magazzino e marchi rimasti dalla precedente operazione.

Oltre alle difficoltà tipiche delle crisi aziendali, il tribunale fallimentare di Firenze, nel decreto in cui respinge la richiesta di concordato preventivo, rileva anche un aspetto particolare: e cioè che la casa di moda Braccialini spa avrebbe preso accordi con quattro fornitori, tutte aziende cinesi. Accordi “relativi a duplicazioni di fatture e pagamento ‘per spalmatura'” di debiti pregressi, già maturati con gli stessi quattro fornitori, rinnovando i rapporti con questi quattro creditori con nuove forniture.

Si tratta di operazioni nell’ordine complessivo di alcune centinaia di migliaia di euro che vennero pattuite nel periodo che va da febbraio a luglio 2016, cioè in tempi vicini, prima e dopo, alla richiesta di concordato. Il tribunale fallimentare giudica ostativo all’ammissione di concordato questa emissione di fatture per pochi, selezionati creditori, un aspetto di cui i giudici rilevano “la natura fraudolenta e antigiuridica dell’effettuazione di pagamenti di debiti già maturati attraverso l’emissione plurima di fatture, in differenti versioni, cambiandone la data, e l’inclusione di creditori chirografari anteriori al concordato in nuove fatture attraverso la spalmatura di crediti anteriori al fallimento”.

Uno dei legali della Braccialini spa, l’avvocato Francesco D’Angelo, ha commentato il decreto del tribunale sottolineando “la trasparenza e la correttezza di questo consiglio d’amministrazione che ha ottenuto risultati significativi perseguendo sempre e solo l’interesse di tutti i creditori e i lavoratori”.

Ancora da capire i riflessi che la dichiarazione di fallimento potrebbe avere sull’inchiesta per bancarotta della procura di Firenze: ci sono oltre 25 indagati, ossia i membri dei cda in carica tra il 2011 e il 2014 e i collegi dei revisori di quegli anni in cui maturarono le difficoltà dell’azienda. Tra gli indagati risultano i fratelli Massimo e Riccardo Braccialini, della famiglia fondatrice, poi usciti dall’azienda.

 

Fonte: La Repubblica.